Ho fatto la spia di Joyce Carol Oates

La famiglia è uno speciale destino. La famiglia in cui nasci e dalla quale non ci può essere scampo. Ho fatto mia l’idea che il legame di sangue sia da intendere solo a livello biologico. Dall’altra parte, però, ho anche la convinzione che la famiglia sia qualcosa di più profondo di un nucleo di personeContinua a leggere “Ho fatto la spia di Joyce Carol Oates”

Tolstoj tra romanzo e vita privata/La felicità domestica

“Ma la nostra vita non riuscì però inferiore ai nostri sogni. Non austerità di lavoro, compimento del dovere, sacrificio di se medesimi, vita per gli altri – quello insomma che io immaginavo da fidanzata; al contrario, c’era un solo egoistico sentimento di amore l’uno per l’altro, un desiderio di essere amati, una costante giocondità senzaContinua a leggere “Tolstoj tra romanzo e vita privata/La felicità domestica”

Un dolore lungo una vita/Il primo Dio

“Il dolore deve essere la cosa più importante della mia vita.” Se vi dicessi che uno dei maggiori scrittori statunitensi di inizio ‘900 è italiano? Sono certa che il nome di Emanuel Carnevali sia ai più sconosciuto, e lo è stato anche per me fino a qualche mese fa, quando D editore ha deciso diContinua a leggere “Un dolore lungo una vita/Il primo Dio”

Inferno in Messico/Terra bruciata

“Alcuni dicevano: ci hanno fregato… siamo spacciati… altri volevano parlare ma non dicevano niente… sembrava che pregassero o masticassero le parole.” L’elezione di Trump ha gettato tutti nello sconforto e nella paura del futuro americano e mondiale. Una delle decisioni per me più discutibili del nuovo presidente è quella di costruire un enorme muro alContinua a leggere “Inferno in Messico/Terra bruciata”

Il coraggio di sparire/A proposito di Majorana

«Sparire. Non era la prima volta che mi sentivo prendere da un impulso del genere. Sparire per non dover più affrontare gli ordini del capo, le umiliazioni, dei colleghi e gli assurdi progetti matrimoniali imbastiti da Ana, la mia fidanzata. Sparire come segno di vittoria sugli impegni e i problemi, di liberazione, del dissolversi diContinua a leggere “Il coraggio di sparire/A proposito di Majorana”

Ritrovare se stessi/A caccia nei sogni

Come fratelli cresciuti insieme, affrontarono la questione serissima dei genitori che si comportano in modo bizzarro e dei figli che cercano di reagire come meglio possono. Se in La fine dei vandalismi Tom Drury ha poggiato lo sguardo su una umanità tanto variegata, A caccia nei sogni ci permette di conoscere meglio le vite diContinua a leggere “Ritrovare se stessi/A caccia nei sogni”

Squarci di vite ordinarie/La fine dei vandalismi

Le dicerie possono durare a lungo a Grouse County oppure riproporsi ciclicamente, come le stagioni. Quando sento pronunciare la parola America la mia fantasia inizia a lavorare incessantemente. Non sono le grandi città ad attirarmi verso quel paese così tanto discusso, ma quei piccoli stati in cui, si dice, non ci sia nulla. L’Iowa faContinua a leggere “Squarci di vite ordinarie/La fine dei vandalismi”

Bonjour tristesse/L’angolo del mondo

La storia di Marian è il racconto di una solitudine profonda che, solo per brevi momenti, diventa meno acuta grazie alla scintilla di un amore improvviso, adolescenziale e tumultuoso. La conosciamo in un periodo della vita in cui ha perso la madre, suo baluardo, suo esempio, frequenta senza impegno il suo ex compagno e insegnaContinua a leggere “Bonjour tristesse/L’angolo del mondo”

Omologazione e intolleranza/Le ballerine di Papicha

Chi ha mai potuto creare una città così? Certamente un uomo che non ama né i colori, né il bianco, né il nero. “Il mondo di Algeri è un piccolo mondo, una tazzina di caffè.” Amaro aggiungerei. Algeri come un mondo chiuso, come la descrizione di una qualsiasi nostra provincia in cui tutti si conoscono,Continua a leggere “Omologazione e intolleranza/Le ballerine di Papicha”

Nati sotto una cattiva stella/Mapocho

La morte è una menzogna, Fausto. Mi sono strappato gli occhi eppure vedo ancora. Non c’è via d’uscita, sono fregato. Nascere a Santiago, nel sud del mondo, significa nascere sfigati. La Bionda lo sa, ricorda quando la nonna, con i suoi gatti, pregava la vergine ma questa era sempre girata dall’altra parte, offriva loro ilContinua a leggere “Nati sotto una cattiva stella/Mapocho”