Segnalazione: Il cavaliere di Eron – L’avvento di Laura Santella

Titolo: Il cavaliere di Eron – L’avvento
Autore: Laura Santella
Editore: Self-publishing
Genere: Romanzo fantasy
Pagine: 446
Prezzo:  10,00 € (cartaceo) – 4,99 € (ebook)

Sinossi:
La storia è incentrata sulle avventure del mitico cavaliere di Eron: un guerriero senza macchia e senza paura, proveniente da un altro mondo, pronto ad affrontare chiunque e qualsiasi cosa pur di difendere il regno di Eron ed il suo popolo. A ricoprire questo ruolo sarà chiamata una persona molto particolare che, a prima vista sembrerà estremamente inadatta, ma che, alla fine, si rivelerà forse la carta vincente per sconfiggere il terribile e spietato re Kales di Lamdas ed il suo esercito stregato. 
Infatti, una potente ed oscura magia avvolge e fortifica i nemici di Eron che, in balìa di una guerra  spietata e, apparentemente, senza senso, può solo rivolgere le proprie preghiere al leggendario cavaliere.
Azione, intrighi, battaglie, magia, comicità e romanticismo in una storia che vi coinvolgerà e vi terrà col fiato sospeso fino all’ultimo capitolo. La chiave di tutto saranno i dettagli…
Quale sarà il destino di Eron e del suo cavaliere?

«Ed Egli verrà. La sua spada, bianca come l’alabastro e spietata come l’alba, brillerà al Sole di un nuovo giorno. La sua ira si abbatterà sui malvagi per difendere i deboli e gli oppressi. Un grido di libertà si alzerà in aria e un’onda di fuoco sbaraglierà i nemici del popolo. Eron sarà salvata dal suo cavaliere».

Nata a Grosseto il 17 Settembre 1988, Laura Santella si diploma a pieni voti nel Luglio del 2008 all’Istituto Tecnico Agrario di Grosseto, mentre nell’Ottobre del 2012 si diploma presso l’I.P.S.I.A. di Livorno conseguendo l’abilitazione ad odontotecnico. 
Tra i suoi progetti vi era quello di entrare nel Corpo Forestale dello Stato nella sezione cinofila, ma, vista la sua “altezza” di soli 159 cm, è costretta ad abbandonare tale idea. Così a Novembre 2008 inizia a lavorare come assistente odontoiatrico presso uno studio dentistico vicino casa, specializzandosi nel ramo chirurgico nel Marzo 2010 ed intraprendendo i suoi studi odontotecnici nell’Ottobre dello stesso anno.
Da sempre attirata da tutto ciò che è nuovo, pratica nuoto ed equitazione per più di due anni fino a quando, nel 2002, non scopre di avere problemi alla spina dorsale che la costringono ad abbandonare tali sport. Un paio d’anni più tardi, si concentra sul tiro con l’arco, dove, nel 2006, vince il campionato regionale. Fortemente impegnata con lo studio ed ostacolata dai suoi problemi di salute, abbandona il ramo agonistico nel 2008 con la sua ultima vittoria.
Interessata sia alla scienza che a tutto ciò che è magico e fantastico, si tiene sempre aggiornata sulle scoperte astrofisiche, mediche e scientifiche e, allo stesso tempo, coltiva la sua fantasia leggendo numerosi manga e guardando le relative serie televisive. Negli ultimi anni si appassiona tantissimo anche al cinema, collezionando centinaia di DVD di ogni genere (avventura, fantasy, azione, storico, ecc…). Tutto contribuisce ad ispirarla sempre più fino ad oggi.
Appassionata di letteratura, scrive da sempre; la sua prima “opera” (un libro per bambini dal titolo “Il re nasone”) risale al 1998. Da lì in poi scriverà una raccolta di poesie tra il 1998 e il 2001 (mai pubblicato), la trama di due fumetti intitolati “Three fears” e “Saigo no den” (il primo mai concluso) nel 2002 e nel 2003-2004 (occupandosi anche della parte grafica, purtroppo inconclusa), due atti unici comici intitolati “Vampire’s dream” e “Fiaschi miracolosi” (diretti ed interpretati, uno nel 2004 e uno nel 2006), la trama di due corti (un thriller, “La pergamena proibita”, e un horror, “Fuori dalla finestra”) nel 2005, un atto unico drammatico nel 2007 (anch’esso diretto e interpretato) dal titolo “Un filo di voce”, due sketch (uno comico, “50 e 50 o chiamata a casa?”, e uno drammatico, “Vedere la vita”, diretti ed interpretati) nel 2008, un racconto ispirato alla favola di “Cappuccetto rosso” rivisitata in chiave post-apocalittica (“Little Red”) nel 2012 e numerose Cene con delitto tra il 2010 e il 2013. Nel 2011 inizia anche la rielaborazione de “Il fu Mattia Pascal” di Pirandello con l’intenzione di farne un musical (occupandosi sia del riadattamento del testo che della realizzazione delle canzoni); abbandonerà il progetto dopo circa un anno, ammettendo i suoi limiti nel campo musicale.
Le sue ultime “creazioni” hanno visto la luce in teatro sia grazie al Laboratorio Teatrale dell’Istituto Tecnico Agrario di Grosseto, di cui ha fatto parte dal 2003 al 2008, sia alla Compagnia Teatrale Ars Nova, in cui è entrata nel 2006 e di cui tutt’ora fa parte.
“Il cavaliere di Eron – L’avvento” è il suo primo vero e proprio libro, al quale seguiranno, esclusi imprevisti, altri due volumi: “Il cavaliere di Eron – Il ritorno” e “Il cavaliere di Eron – Le origini”.


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...